musee imaginaiere suisse
Objektbild
Selfie

< altre storie >

La sfinge nel deserto


Chi l’avrebbe mai detto che ci si potesse fermare bloccati, affascinati di fronte ad un’immagine senza colori? Davanti ad un’immagine con visibili segni di danneggiamento? Eppure, è successo! Julia e la signora incognita dalla Germania lo hanno vissuto oggi, alla Casa Anatta. La figura femminile misteriosa guarda in lontananza. Tiene il busto dritto, con i seni rotondi ben in vista, con un collo fermo. Ma cosa notiamo? Ha le mani di una leonessa! È una donna forte, lei. Bella, perfetta! All’avanguardia. Sembra un’immagine dei nostri giorni, ma Fidus l’aveva dipinta nel 1891. Ma questo volto ci ricorda uno molto famoso. La Statua della Libertà! I delineamenti, il collo, lo sguardo sono identici! E l’uomo accanto? Sembra esausto. Sarà lui l’artista che aveva scolpito in roccia la figura femminile, la leonessa con corpo da donna? Il suo creatore? Lui e piccolo, in confronto a lei, le somiglia pure nel viso. Lui è il creatore, ma lei è più forte. Sicura di sé, fiera della sua femminilità, si mostra per com’è: nuda e forte.

 

 

Oggetto:

Nome incognito, opera del 1891 Artista: Fidus

 

Luogo:
Complesso museale Monte Verità, Ascona

 

su di noi:
Julia 48

Signora B.


Julia, Guida TaM alla Giornata internazionale dei musei 2022 e la signora sconosciuta

 

www.tim-tam.ch / www.mi-s.ch | La sfinge nel deserto, Complesso museale Monte Verità, Ascona